PAOLO GRASSINO

I Topi Ballano _ BIG Torino 2000

divisore

I topi ballano

Passeggiare per la città significa tracciare percorsi che svaniscono nella gestualità del passo, ma che si conservano in una geografia interiore che è scoperta e memoria di un cammino. Passeggiare significa abitare uno spazio all’incrocio tra la prospettiva del piano e l’espansione del cielo. Camminando stretti in questa griglia, il gesto di abbassare lo sguardo, può essere soltanto un gesto di chiusura, il rifiuto dell’espansione del cielo, il rifiuto dello spazio.

Dentro la griglia abbassare lo sguardo significa rifiutarsi di vedere e di scoprire, ma al di fuori di quella griglia, abbassare lo sguardo può diventare il primo passo per vedere sotto, per vedere cosa c’è più a fondo.

Allora al di fuori della griglia appare un mondo e quel mondo è in festa.

Accorgersi di ciò che sta al di sotto delle tracce ispessite dei nostri passi non è la semplice scoperta di qualcosa di nuovo, ha l’intensità del riconoscimento di ciò che si era dimenticato.

 

I TOPI BALLANO è un intervento urbano che non solo ridisegna la percezione spaziale,

ma modifica il rapporto di attese tra il pubblico e l’opera, tracciando il cammino di un fiume sotterraneo la cui natura liquida si unisce alla liquidità della musica elettronica.

 

Un sottile gioco di ritrosia e provocazione, in cui l’opera riesce a farsi cercare.

 

Elena Volpato

divisore